Seguimi su Twitter

tuttojuve

Tutte le notizie del sito di cui Massimo Pavan è Vicedirettore

mercoledì 13 luglio 2011

REVOCA SCUDETTO: LA MISTERIOSA MEDIA PUNTI NERAZZURRA E IL REGALINO...



Qualche anno fa un cantante di nome Drupi aveva scritto una canzone che faceva: "Regalami un sorriso per i miei giorni tristi per quando fara' buio se tu non ci sarai regalami se vuoi i giochi della sera....."

Chissà se Guido Rossi ci ha pensato quando ha regalato il titolo, definito, cartonato, all'Inter nel lontano 2006. Chissà se oggi si sta pentendo alla luce dei fatti emersi di quella decisione. Quel parere dei saggi non è poi stato così "saggio". Oggi come oggi i tifosi bianconeri oggi vorrebbero anche loro che qualcuno "gli regalasse un sorriso" e quel sorriso glielo può regalare la Federazione Italia Gioco Calcio, decidendo di togliere lo scudetto dal petto di chi non l'ha mai vinto sul campo, ma solo in segreteria e pure senza meriti.

In ogni caso, qualora qualcuno avesse dei dubbi sul togliere lo scudetto all'Inter vi segnaliamo un curioso caso frutto di statistica e analisi numerica, che già in passato avevamo evidenziato ma che costituisce la ragione numero 6 e 7 per cui lo scudetto va revocato assolutamente.

Ci siamo basati sulle parole dell'ex-designatore in alcune intercettazioni che parlando con Facchetti dice che l'Inter in quel campionato non aveva a dicembre una classifica consona, "una situazione che vorrei proprio anch'io aiutarvi a raddrizzare".

Andatevi a vedere la media punti pre e post telefonata in cui si parla di regalino (parole di Facchetti) anche se Bergamo dice di non averlo ritirato e guardate che differenza c'e'.
Se l'Inter avesse mantenuto la media punti di 1,5 per 38 partite avrebbe chiuso il campionato a 57 punti e non sarebbe nememno andata in Champions League...la media dopo la telefonata passa incredibilmente a 2,18
Semplice caso? Semplice cavalcata post panettone? Aspettiamo risposte concrete dai soloni accusatori della Juventus.

Ci chiediamo se qualcuno al processo o in federazione puo' spiegare questi numeri e questi fatti... eh si questi sono fatti e non SUPPOSIZIONI, come le teorie dell'accusa in cui gli arbitri presunti amici di Moggi facevano fare meno punti alla Juventus di quelli individuati come nemici. Qui la matematica parla chiaro e purtroppo per qualcuno non è un'opinione.


Pre regalo punti 24 in 16 partite, media 1,51

1a andata Chievo - Inter 2 - 2 punti 1
2a andata Inter - Palermo 1 - 1 punti 1
3a andata Atalanta - Inter 2 - 3 punti 3
4a andata Inter - Parma 2 - 2 punti 1
5a andata Roma - Inter 3 - 3 punti 1
6a andata Inter - Udinese 3 - 1 punti 3
7a andata Milan - Inter 0 - 0 punti 1
8a andata Lecce - Inter 2 - 2 punti 1
9a andata Inter - Lazio 1 - 1 punti 1
10a andata Fiorentina - Inter 1 - 1 punti 1
11a andata Inter - Bologna 2 - 2 punti 1
12a andata Cagliari - Inter 3 - 3 punti 1
13a andata Inter - Juventus 2 - 2 punti 1
14a andata Inter - Messina 5 - 0 punti 3
15a andata Siena - Inter 2 - 2 punti 1
16a andata Inter - Brescia 1 - 0 punti 3

Post regalo Partite 22. punti 48, media punti 2,18

17a andata Livorno - Inter 0 - 2 punti 3
18a andata Inter - Sampdoria 3 - 2 punti 3
19a andata Reggina - Inter 0 - 0 punti 1
1a ritorno Inter - Chievo 1 - 1 punti 1
2a ritorno Palermo - Inter 0 - 2 punti 3
3a ritorno Inter - Atalanta 1 - 0 punti 3
4a ritorno Parma - Inter 2 - 2 punti 1
5a ritorno Inter - Roma 2 - 0 punti 3
6a ritorno Udinese - Inter 1 - 1 punti 1
7a ritorno Inter - Milan 0 - 1 punti 0
8a ritorno Inter - Lecce 2 - 1 punti 3
9a ritorno Lazio - Inter 1 - 1 punti 1
10a ritorno Inter - Fiorentina 3 - 2 punti 3
11a ritorno Bologna - Inter 0 - 1 punti 3
12a ritorno Inter - Cagliari 2 - 0 punti 3
13a ritorno Juventus - Inter 0 - 1 punti 3
14a ritorno Messina - Inter 2 - 1 punti 0
15a ritorno Inter - Siena 2 - 0 punti 3
16a ritorno Brescia - Inter 0 - 3 punti 3
17a ritorno Inter - Livorno 1 - 0 punti 3
18a ritorno Sampdoria - Inter 0 - 1 punti 3
19a ritorno Inter - Reggina 0 - 0 punti 1

52 commenti:

  1. probabilmente si sono ridotti i vostri furti.

    o se il tuo pezzo afferisce al 2005, beh la rispsota è semplice, dopo il panettone

    sono arrivati il giovane stankovic e il miglior adriano della sua carriera (una bestia)

    tanto che in coppa italia, contro di noi, sei arrivato a rigori rubando tutta la partita. ricordo ancora le entrare di ciro ferrara in quella partita e un rigore non dato ad adriano.


    e non tirare in ballo la media punti della rube dicendo che con de santis era minore (oltre al fatto che può essere anche un caso), che de santis non arbitrava solo la juve.

    te lo ricordi il rigore incredibile non dato aronaldo con il chievo nel 2002 a 10 minuti dal termine? trattenuta e placaggio esattamente sotto gli occhi dell'arbitri, a un metro dallo stesso enel suo raggio visivo.
    fu de santis a non comminarlo.

    per la cronaca, con quel rigore, se realizzato, avremmo vinto lo scudetto (e si cita quell'esempio della penultima giornata ma come al solito era solo la punta dell iceberg, ruberie da settembre a maggio). tanto che nucini denunciò presso la società inter questo sistema già nel 2002, e l'inter infatti lo mandò in tribunale a testimoniare (cosa che all'ultimo si rifiutò di fare).

    renditi conto di cosa hai bisogno di sostere, a cosa ti devi attaccare.

    dai valà, 42 telefonate tra moggi e bertini prima di milan juve, con utenze svizzere, e voi di bertini ricordate solo le telefonate di facchetti con bergamo...

    tzè, rubentini, che gentaglia...

    RispondiElimina
  2. Caro interista, e, di grazia, da che documento ufficiale deriverebbero queste 42 telefonate tra moggi e bertini prima di milan juve con le utenze svizzere?

    RispondiElimina
  3. GENTAGLIA...GENTAGLIA??? ALLORA SE PROPRIO SIETE COSI' SICURI DELLA VS. ONESTA' CONVINCETE IL VOSTRO PRESIDENTE A RINUNCIARE ALLA PRESCRIZIONE E A FARSI GIUDICARE COME FECE LA JUVE ALL'EPOCA...E' CHE AVETE P**PA AL C***O...E VI C****E SOTTO (SOSTITUISCI GLI ASTERISCHI CON LETTERE A SCELTA).PRESCRIZIONE NON VUOL DIRE ESSERE INNOCENTI, VUOL DIRE CHE NON SI VIENE GIUDICATI IN QUANTO DECORSI I TERMINI...E COME MAI SONO DECORSI I TERMINI???? COME MAI NELLE PRIME INDAGINI NON C'ERA NESSUNA TELEFONATA DELL'INTER E POI SONO USCITE GRAZIE A MOGGI??? LA JUVE E' STATA CONDANNATA DAL MOMENTO CHE I SUOI RAPPORTI ERANO ESCLUSIVI. TI SEMBRA ESCLUSIVO IL FATTO CHE NON CHIAMASSERO SOLO LORO???? SE AVETE LE PALLE RINUNCIATE ALLA PRESCRIZIONE E POI VEDIAMO...SONO PRONTO A CHIEDERE SCUSA SU QUESTO FORUM IN CASO DI ASSOLUZIONE PIENA...MA SINCERAMENTE NE DUBITO...E NON USCIAMO COL DISCORSO TUTTI LO FANNO TUTTI INNOCENTI: LA JUVE HA PAGATO (B CON PENALIZZAZIONE, SQUADRA DEMOLITA E DATA IN MANO A SOCIETA' INETTA CHE LA HA RIDOTTA IN QUESTO STATO), MOGGI HA PAGATO (5 ANNI DI SQUALIFICA, E, AL TERMINE DELLA SQUALIFICA, VISTO CHE ANCORA LA SUA COMPETENZA TECNICA FA PAURA, VOGLIONO PURE RADIARLO...COME MAI NON C'E' PRESCRIZIONE SULLA RADIAZIONE?): SE ALTRE SQUADRE FACEVANO LE STESSE COSE E' GIUSTO CHE PAGHINO PURE LORO. E' CHE UN CAMPIONATO MARCATO "TIM" GIA' DICE DOVE ORA SONO SPOSTATI GLI EQUILIBRI...

    RispondiElimina
  4. AL PRIMO rispondo che sono tabulati telefonici depositati in tribunale, e fanno parte a tutti gli effetti dell'impianto accusatorio del pubblico ministero. http://www.repubblica.it/2007/04/sezioni/sport/calcio/juve-milan-telefonate/juve-milan-telefonate/juve-milan-telefonate.html

    AL SECONDO rispondo che alla prescrizione rinunciamo quando voi rinunciate alla prescrizione sulla sentenza del 29 maggio 2007, prendetevi la condanna e restituite 2 scudetti una champions e un'intercontinentale (94-98), e noi lo scudetto 2006 lo eliminiamo per sempre dal palmarès promesso.

    buona notte principesse sul pisello.

    RispondiElimina
  5. Semplicemente il De Santis ogni tanto si sdoganava, prima era un cupolaro poi no poi ci ripensava poi non cupolava più...mah...anche qui è come parlare al vento...
    Se si avesse la decenza di seguire il processo di Napoli si capirebbe di più su quelle telefonate (?) tra moggi e bertini (il punto di domanda è voluto)...

    Per il resto non cambia nulla, pur di non metterci la faccia si nascondono dietro un morto o tirano in ballo vicende che non centrano nulla con farsopoli...
    Perché l'unica cosa definitiva che ha sentenziato la Cassazione è il fatto che la Juventus non abbia mai fatto uso di doping (l'accusa ipotizzava l'uso di Epo).
    Vi era tuttavia da approfondire l'eventuale abuso di farmaci alla luce della normativa sulla frode sportiva, e su questa parte dell'accusa è intervenuta la prescrizione del possibile reato. precisiamo che tutti i farmaci sequestrati alla Juventus non erano e non sono contenuti nella black list dei prodotti vietati del CIO. Inoltre, chiariamo che a nostra conoscenza non esiste uno studio scientifico che abbia dimostrato l'effetto dopante di farmaci generici.
    Rimane invece quel regalino offerto ai designatori e la strana impennata di punti dopo le parole di Bergamo riportate sopra...

    RispondiElimina
  6. tra l'altro faccio notare una cosa, che quella prescrizione é sopraggiunta dopo 9 anni di gogna per la juve, dove almeno si é fatta processare ad ha passato tutti e tre i gradi di giudizio (addirittura in secondo grado erano stati assolti da tutte le accuse)...curioso come poi Zeman venne accolto come il nuovo profeta del calcio dopo le sue dichiarazioni da interisti e romanisti,mentre su quello che ha dichiarato per lo scudetto di cartone l'altro ieri é calato il silenzio...

    RispondiElimina
  7. @Anonimo interista:

    PRIMA: Secondo te un articolo di un giornale è un documento ufficiale? Ecco allora si spiega tutto....(oltretutto è del 2007 e oggi siamo nel 2011 e sono cambiate un po' di cose, nel frattempo...);
    SECONDA: Ti ricordo che (e leggiti le sentenze non solo gli articoli di giornali come gazzetta e repubblica notoriamente faziosi quando si parla di juve), la Juve è stata ASSOLTA per quello che riguarda i farmaci illeciti. E' andato in prescrizione l'abuso di farmaci LECITI. Capisci? Sarebbe come se ti volessero condannare se tu prendi troppe aspirine...fai un abuso al tuo corpo, ma nessuno può dirti che sei dopato, ed è ancora tutto da dimostrare che tale abuso influisse sulle prestazioni sportive.

    La cassazione disse che l'assoluzione in appello per l'abuso di farmaci era carente e quindi si sarebbe dovuto istruire un nuovo processo, per decidere se l'abuso di farmaci potesse essere punibile secondo una legge che puniva le scommesse.
    Nuovo processo che non si è fatto perchè erano scaduti i DIECI anni di prescrizione.

    QUINDI NESSUNA SENTENZA STABILISCE TUTTORA CHE I FARMACI DELLA JUVE FOSSERO FRODE SPORTIVA.
    Inoltre, sempre parlando della perenne informazione approssimativa presente nelle affermazioni di voi interisti, se la Juve rinunciasse alla prescrizione e venisse condannata, verrebbero inflitte unicamente sanzioni nel processo PENALE.
    La prescrizione ha fermato la riapertura di un nuovo processo dopo l'assoluzione in appello.

    Cosa vuol dire?

    Che la prescrizione non ha fermato una condanna, ma soltanto la riapertura di un procedimento che poteva chiudersi ancora una volta con un'assoluzione. Oppure con una condanna.

    Questo è importante da sottolineare. Sono 2 cose ben diverse la prescrizione di una condanna o di un presunto reato.
    Specifichiamo che la prescrizione è avvenuta DOPO 10 ANNI di processo, in cui l'accusa ha cambiato diverse volte tesi accusatoria ed ha sperperato LEI il tempo a disposizione. In secondo grado la Juve fu ASSOLTA in formula PIENA, la cassazione ordinò di rifare l'appello (non emette sentenze la cassazione) ma non si rifece per prescrizione.

    RispondiElimina
  8. @Anonimo interista: Comunque leggiti la sentenza della corte di cassazione...se non erro è la 21324 del 29 marzo 2007
    Aggiungo (prima mi sono dimenticato :)): da un punto di vista sportivo, invece, A PRESCINDERE DALL'ESITO DEL PROCESSO PENALE, NON CI SAREBBERO STATE CONSEGUENZE, poichè il TAS di Losanna si è espresso sulla questione affermando che un eventuale abuso di farmaci leciti NON E' PUNIBILE IN AMBITO SPORTIVO.

    RispondiElimina
  9. Punto 11:

    Perchè i Presidenti dell'INTER (Facchetti e Moratti) non si limitavano a chiamare solo i Designatori, ma chiamavano e ricevevano Telefonate anche dagli stessi Arbitri, avendo anche con alcuni di loro contatti reiterati e personali. (Caso NUCINI a parte).

    RispondiElimina
  10. sulla frode sportibva, siete teneri come rigirate la frittata.

    in corte d'appello è+ cascata l'imputazione di abuso di farmaci percè reato seguente alla commissione (e, a questo punto, tutti conosciamo il favor rei penale, spero) non per non aver commesso il reato. peccato che la cassazione abbia fatto presente che vi erano gli estremi per la violazione della legge dell'89, (non ricordo che numero) sulla frode sportiva. ma non si poteva riapreire il processo per nuova imputazione.

    il tas di losanna ha inserito alcuni farmaci nella lista vietata.

    e inoltre, riporto le parole della cassazione, la juventus ha attuato "un disegno criminoso per alterare le gare attraverso la somministrazione illecita di farmaci”.

    chi dice che i farmaci sono leciti dimostra come al solito di non capire una uallera di giustizia.

    secondo voi un coltello è illecito?
    no.

    dunque è lecito accoltellare.

    è lecito anche avere una psitola, se si ha il porto d'armi. quindi è lecito sparare alla gente?

    sull'altro discorso,

    mi sembra inifine ovvio che un documento di giornale non faccia parte di un processo, anche lì è inutile che facciate i gradassi. Non ho gli atti processuali e riporto l'articolo di giornale in cui ti si dice che i tabulati cone le 42 telefonate sono state fatti trascrivere dal pubblico ministero. quindi, fate poco i furbi.

    rubentini, che gente.

    RispondiElimina
  11. ps non preoccupatevi delle revoche, iniziate a rinunciare alla prescrizione e a farvi processare per frode sportiva, poi dopo la sentenza provvediamo con la guerra di esposti.

    tanto come piace dire al vostro ovino monociglio il palmarès non si prescrive no?

    ci prendiamo un altro scudo noi, uno il parma, una champions all ajax e l'intercontinentale al river (se non ricordo male). cari rube, dovessinmo far davvero la guerra degli esposti restereste con 3 tituli in croce.

    RispondiElimina
  12. ma rinunciare ad una prescrizione dopo 9 anni di processo é la stessa cosa che rinunciare ad una prescrizione per un procedimento mai iniziato?
    Il disegno criminoso andava dimostrato...é non lo hanno fatto in 9 anni...
    Rassegnati...

    RispondiElimina
  13. poi l'inter dovrà rinunciare ai titoli conseguiti grazie all'herrera somministratore di anfetamine, agli scudetti rubati alla pro vercelli e alla serie b schivata a inizio 900 in maniera molto strana...
    Forse a tavolino vi daranno le guerre puniche...

    RispondiElimina
  14. caro publio, ti piace proprio delirare e fare figuracce.

    non c'è alcun processo a dimostrare le tesi di herrera, solo il libro di un ex giocatore, la cui versione non è stata confermata da nessuno, dai vari suarez all'altro mazzola.

    sul primo interrogativo che poni concordo, sono situazioni di gravità diversa.

    un reato accertato dal giudice di nell'ultimo grado di giudizio nel vostro caso, una richiesta di un procuratore federale sportivo (equivalente del pm) di giudizio su illeciti sportivi nel nostro caso.

    9 anni poi.. mi sembrano normali visto che in mezzo c'era una società calcistica e non pinco pallino e che si è arrivati fino in cassazione.

    sai cos'è un "disegno criminoso" publio? e sai la differenza tra un giudice e un pm? sai, quando a una conclusione arriva l'accusa, o quando ci arriva la parte che deve giudicare sentita l'accusa e la difesa, ovvero il giudice. Mai sentito parlare?

    mi sembra ovvio che a tutto ciò si è arrivati non certo per 2 aspirine contro l'emicrania.

    simpatica la tua maglietta, però è giudizialmente sbagliata. Doveva scrivere archiviati. Prescritti invece è preciso per la tua maglietta, sai quella con lo sponsor danone, e poi sony? proprio la magia di quegli anni lì.

    caro publio, siete l'unico caso al mondo di farmaci prescritti dal giudice anzichè dal dottore!

    e ancora parli...

    RispondiElimina
  15. daje...

    “Chiedete la revoca dello scudetto 2006? E noi rispolveriamo il doping!“

    Senza tanti giri di parole, questa è la controffensiva che su molti siti nerazzurri, ma lo stesso concetto lo si ritrova anche nelle parole di Giacinto Facchetti: occhio a creare un precedente del genere, che vi veniamo a rompere le uova nel paniere.

    Perfetto. Non c’è problema alcuno: perché qui c’è gente che non ha ancora ben compreso come questi cinque anni son stati una forgia per l’anima bianconera. Anima uccisa, direbbe qualcuno ironizzando: più probabilmente, indurita ed incupita, ma ora più che mai consapevole che nascondere la testa nella sabbia è abitudine che appartiene ad altri.

    Volete parlare di doping? Parliamone.

    Nessun doping, in primis. La tanto decantata Cassazione 2007 disse a chiare lettere che l’Epo non c’era. Ricorso del PG? Inammissibile, e confermata l’assoluzione nel merito in appello. Quindi, semmai, abuso di farmaci: ed attenzione, nessuna sentenza di colpevolezza. La Cassazione, come noto, avrebbe annullato con rinvio se non fosse intervenuta la prescrizione: si sarebbe dovuto celebrare un nuovo grado di giudizio d’appello in cui in concreto si sarebbe dovuto verificare la sussistenza o meno dell’ipoteti di reato legata non al doping in senso stretto ma all’abuso di farmaci. Farmaci perfettamente legali all’epoca, quali il Samyr, Esafosfina, Neoton: tanto per citarne alcuni utilizzati dalla stessa Inter come da tutte le altre squadre di Serie A e B (agli atti del processo sono depositati i documenti che le società consegnarono con la dichiarazione dei farmaci somministrati nelle partite contro la Juve). Se a questo aggiungiamo che nessun giocatore della Juventus nel periodo in questione è risultato positivo all’antidoping e che i valori di emoglobina ed ematocrito rientravano ampiamente entro i ranges consentiti, ecco che dimostrare la frode sportiva diventa tutto meno che automatico (come ha rilevato la stessa Cassazione nel ribadire che la legge 401/1989 sulla frode sportiva era si applicabile alla fattispecie de qua in astratto, ma ovviamente da provare in concreto davanti al giudice di rinvio, e torneremo tra poco su questo aspetto).

    Questo il punto in diritto. La Juventus avrebbe potuto essere assolta o condannata, tre gradi di giudizio di merito e legittimità non son bastati per affermare definitivamente alcuna delle due opzioni. Nove anni (dal 1998 al 2007) in cui la Juventus ha dovuto, ma soprattutto ha avuto modo, di difendersi là dove si deve dimostrare o smentire una presunta responsabilità penale, ha sostenuto il fronte di un’accusa infamante ed infangante, quella dell’Epo, divenuta parte integrante del sentimento popolare e smentita clamorosamente nei fatti e nel diritto, quella della Juve degli “scudetti di Agricola”, delle cosce di Vialli e Del Piero, delle interviste di Zeman, dell’eroe nazionale Guariniello. La questione dell’abuso di farmaci sarebbe potuta diventare un vero oggetto di pubblico interesse, far luce su uno dei lati oscuri del calcio, quello dei calciatori che non sono ragazzotti sani come diceva Zeman ma uomini che in vent’anni di carriera sollecitano il fisico e accumulano traumi come non fa una persona “normale e sana” in una vita. Il dibattito non è mai sorto, si è preferito cercare un unico bersaglio. Nessuna indagine parallela di altre procure, nessuna richiesta da parte della voce pubblica: più eccitante il sangue – ed anche le orine, in questo caso – della Signora.

    Nessun pubblico ufficiale che ometta di trasmettere, nessuna impunità, nessuna auto – certificazione di onestà, nessun vantaggio sul campo. Tre gradi di giudizio, ma anche un processo sportivo, assolti nel merito (qualcuno ha parlato di ne bis in idem?), tanto per gradire.

    RispondiElimina
  16. una sola parola : VERGOGNATI!!!!

    RispondiElimina
  17. come al solito devi postare roba altrui perchè tu di tuo.... nisba eh. pur tuttavia perseveri a discutere di cose che non sai.

    la vostra difesa a quanto pare è sempre la solita, "così fan tutti".

    così poi potete inventarvi che siete gli unici perseguitati in un marasma di correi.

    sai chi si difendeva così?

    bettino craxi.

    sai dov'è finito?
    ad Hammamet.

    ah, come al solito pubblichi cose inesatte e non essendo tu un conoscitore della materia non le rilevi.

    ti rivelo una cosa.

    fino a prova contraria sei innocente.

    e la prova contraria è a carico dell'accusa, non sei tu che devi dimostrare la tua innocenza, ma il pm che che deve dimostrarla, poi semmai tu cerchi di ecceipre la dimostrazione del pm e si insatura la dialettica.

    se il giudice, vagliate le prove delle parti, non trova un accertamento di reato, è costretto ad assolvere, non a prescrivere.

    in altre parole, anche in regime di 531 cpp (ovvero sulla prescrizione) il giudice deve assolvere se l'estraneità dai fatti o l'insussistenza del fatto risulta in modo incontrovertibile, mentre pur risultando incontrovertibile la colpevolezza (ed è il vostro caso, basta leggere le motivazioni in cui si parla di "disegno criminoso", e a dirlo non è il pm, ovvero l'accusa, ma il giudice, l'organo cui spetta giudicare), in regime di 531 il giudice deve prescrivere.

    quindi come vedi (e come puoi verificare leggendo gli artt 530 E 531 del codice di procedura penale) è falso quello che viene riportato nel tuo post publio, in regime di prescrizione, assoluzione e condanna non sono affatto sullo stesso piano.

    dai publio, sicuro di voler continuare?

    prenditi tempo, spulcia bene ju29ro, ottima per imbambolare con i suoi bei paroloni i balossoni come te. (che poi però capisco poco o nulla di quello che hanno letto)

    RispondiElimina
  18. e tanto per gradire perchè non restituire questo?

    http://napoli.repubblica.it/sport/2011/03/31/news/le_confessioni_di_capitan_mazzola_quel_blitz_dall_arbitro_nel_match_col_napoli-14344373/

    e anche questo?

    http://www.lastampa.it/sport/cmssezioni/calcio/200904articoli/19969girata.asp

    capitolo Ferruccio Mazzola: lui pubblicò un libro (Il terzo incomodo) dove accusò la pratica di sostanze dopanti in squadre come Lazio, Fiorentina,ROma e Inter, ovviamente Facchetti,allora presidente dell'Inter,querelò per diffamazione il suo ex giocatore, chiedendo 3 milioni di euro per danni morali e patrimoniali da devolvere in beneficenza.Il giudice non riscontrando nulla nel libro di diffamatorio, respinse la richiesta della società, costringendola anche al pagamento delle spese processuali. Il Ferruccio rilasciò un'interessante intervista a L'Espresso dove disse:

    "dopo la pubblicazione di quel libro mi è arrivata la querela per diffamazione firmata da Facchetti, nella sua qualità di presidente dell’Inter. Vogliono andare davanti al giudice? Benissimo: il 19 novembre ci sarà la seconda udienza e chiederemo che tutti i giocatori della squadra di allora, intendo dire quelli che sono ancora vivi, vengano in tribunale a testimoniare. Voglio vedere se sotto giuramento avranno il coraggio di non dire la verità”.

    Ma lei di Facchetti non era amico?
    “Sì, ma lasciamo perdere Facchetti, non voglio dire niente su di lui. Sarebbero cose troppo pesanti”.

    Pensa che dal dibattimento uscirà un’immagine diversa dell’Inter vincente di quegli anni?
    “Non lo so, non mi interessa. Se avessi voluto davvero fare del male all’Inter, in quel libro avrei scritto anche tante altre cose. Avrei parlato delle partite truccate e degli arbitri comprati, specie nelle coppe. Invece ho lasciato perdere…”.

    Inutile dire che a quell'udienza non partecipò nessuno...

    C'è parecchia roba da restituire...

    RispondiElimina
  19. e insiste.

    quello è un processo civile non penale!!

    e il giudice non ha consentito a risarcimento per il semplice motivo che non c'è la possibilità di accertare la falsità o la verità dei fatti.

    cioè io dico che in non mi ricordo più che anno, una cinquantina di anni fa, sarti fu convinto dalla juve a fare la cappella volontariamente all'ultima giornata, e lo dimostro dicendo che fu dalla stessa ingaggiato 15 giorni dopo la famosa cappella che le consegnò lo scudetto.

    la rube mi querela per diffamazione, e il giudice se non sente o non può sentire nè sarti nè santi non può fare nulla, perchè per condannare un cristiano a risarcire 3 milioni di euro deve prima accertare che effettivamente abbia detto una falsità, e scoprire 40 anni dopo se una cosa è accaduta o meno è un po' arduo... per questo esiste la prescrizione penale (quella civile ha un motivo affine ma più ampio, la certezza del diritto, ma è tutt'altra cosa opera su diritti e azioni processuali non su accertamento di fatti).

    quindi come vedi hai ben poco da revocare, se presenti un esposto per il libro di ferruccio mazzola prima ti ridono in faccia, poi ti inabilitano.

    publio non conosci il diritto perchè ti ostini a parlare di leggi, esposti e processi??

    repetita iuvant: sicuro di voler continuare?

    ora per un po' di ore non posso più risponderti, quindi hai tempo per trovare tutte le risposte del caso sui tuoi siti farlocchi venditori di fumo.

    ma tranquillo, presto o tardi ogni tuo successivo delirio sarà puntaulmente messo a tacere.

    RispondiElimina
  20. a ridaje...

    all'epoca non era in vigore la legge sul doping introdotta solo nel 2000...

    era un buco legislativo, chiaro che se si fosse riscontrato il tutto dopo il 2000 allora il discorso sarebbe diverso...

    ma l'effetto della sentenza è quindi la necessità di svolgere un nuovo processo che però non si farà perché nel frattempo è sopraggiunta la prescrizione del PRESUNTO reato.

    Ovviamente la sete di sangue nerazzurra presume che un intero grado di giudizio abbia l'esito gi scontato, ma non sempre si è nel 2006...

    RispondiElimina
  21. non si presenta nessun esposto per quel libro, ma noto con piacere che se si accusa l'Inter di qualcosa è un reato intellettuale, e che si ciurla nel manico con cavilli e cavillini e se e ma...

    Penso che Mazzola non abbia parlato solo per sfottere, poi sono cose successe anni e anni addietro e che non possono essere approfondite questo è vero, ma nn solo Mazzola si sfogò su questo.

    RispondiElimina
  22. Nessun reato, se no con le belinate che dici sull'inter tu saresti già un ergastolano.

    Sorrido quando leggo che per te sia un cavillo, un garbuglio giuridico, la differenza tra un processo penale e un processo civile.

    Sei proprio un drago, publio!

    probabilmente per te è un cavillo che la prescrizione può essere dichiarata solo accertato un reato, mentre l'assoluzione va dichiarata in tutti gli altri casi, anche oltrer i termini di prescrizione. Come probabilmente è un cavillo che il reato (o l'illceito nell'ambito sportivo) sia accertato dall'accusa del processo in un caso, e dalla parte giudicante del processo nell'altro caso.

    Tutti cavilli e garbugli.

    L'ignorante si nasconde dietro al cavillo. "Eh, il cavillo ti salva, ma ho ragione io! Non so darti una spiegazione giuridica, ma ho ragione io!"

    Il cavillo, quello vero, è una sorta di paradosso procedurale che porta a una conclusione sebbene la conclusione più ovvia, giusta e naturale sarebbe altra.
    La differenza tra un processo civile e un processo penale è il muro portante del diritto giudiziario e procedurale. Così come la differenza tra il giudice e il pm, così come la differenza tra assoluzione e prescrizione e relativi diversi ambiti applicativi.

    La tua ingenuità è di un candore disarmante, publio. Tutto ciò che leggi, che dica quello che vuoi sentirti dire, è automaticamente vero.

    Usando invece un linguaggio che forse conosci:

    se davvero erano tutti anfetaminomani, come mai sono ancora quasi tutti vivi, sani e pimpanti, quando la gente che fa uso di certe sostanze difficilmente supera i 50, e se li supera li supera in condizioni precarie?

    Eh ma basta che sia stato pubblicato un libro, e allora è matematicamente vero.
    Mentre una sentenza di cassazione in cui si dichiara prescrizione e nelle relative motivazioni il giudice spiega che si trattava di "disegno criminoso", è tutto falsità, conclusione aleatoria tutta da verificare.

    Ps publio, è inutile citare la legge del 2000 sull'abuso di farmaci, nessuno parla di quelli. Dovrebbe essere ormai chiaro, dopo 8.000 commenti a riguardo, che la legge che fa testo è quella dell'89 sulla frode sportiva.

    Valà balossùn...

    comunque converrai con me che è inutile protrarre questa discussione. se vuoi fregiarti del titolo di sempre assolto fregiatene, intanto la realtà dei fatti è quella che ti ho detto sopra, ovvero che
    siete l'unico caso al mondo di farmaci prescritti dal giudice anzichè dal dottore.

    il resto è aria fritta.

    vuoi insgnirti del titolo di pulitone che prendeva giusto il mallox contro il maldistomaco e il moment per il mal di testa?

    rinuncia alla prescrizione.

    solo allora potrai invitare altri a farlo. sino ad allora è meglio che taci, e che lo fai con le guance rosse d'imbarazzo.

    RispondiElimina
  23. Mazzola Sandro è meglio che stia zitto infatti al libro di ferruccio non hai saputo rispondere perchè citava fatti realmente accaduti, caso strano nessun interista se ne ricorda, ma anche il ciclo di allodi herera era fatto di anfetamine e arbitri comprati quindi è meglio che vi nascondete ladri interisti e restituite il maltolto, anche perchè lo scudetto con 91 punti non si prescrive!!!

    RispondiElimina
  24. mammamia come ti inerpichi Dino...

    RispondiElimina
  25. ecco un altro giudice, che ha letto un libro (anzi, il resoconto del libro su qualche forum gobbo) ed è saltato diretto alla sentenza.

    senza starti a spiegare i passaggi giuridici che ho spiegato a publio, che tanto non capiresti nemmeno vista la tua limitatissima attività cerebrale, mi limito a chiederti, come già a publio ho appena chiesto:

    se davvero erano tutti anfetaminomani, come mai sono ancora quasi tutti vivi, sani e pimpanti, quando la gente che fa uso di certe sostanze difficilmente supera i 50, e se li supera li supera in condizioni precarie?

    EEE luca, droga doping farmaci, è l'ultimo dei discorsi che voi rubentini dovreste intavolare, visto che non più tardi del 2007 (non 1750) nell'ambito di un processo penale (non civile di risarcimento, in cui per altro l'inter è attore), la cassazione ha decretato che la tua società, tramite l'abuso dei farmaci leciti, ha attuato un "disegno criminoso".

    come ho detto a publio, divertiti nel tuo mondo delle favole in cui un libro è prova documentale, in cui anfetaminomani folli arrivano quasi tutti vispi e pimpanti a 80 anni, dove un dossier di un procuratore federale ha stessa valenza di una sentenza da cui emerge testualmente un "disegno crimonoso"

    continuate pure, prendete per il culo solo voi stessi!

    RispondiElimina
  26. Publio, ma non vedi che nega l'evidenza? non sa più che cosa invertarsi: la Juve è stata assolta per tutto, il resto è aria fritta, mentre loro grazie a rcs, dove nascono interisti, hanno potuto usufruire di media compiacenti che hanno orientato l'opinione pubblica dove volevano, e dal 2006 hanno fatto scempio della verità e onestà..

    RispondiElimina
  27. publiusvirgilius ha detto...
    mammamia come ti inerpichi Dino...



    CARO PUBLIO, non mi stupisco che tu non abbia altro da commentare a tutto quello che ti ho risposto.

    riposto:

    Sorrido quando leggo che per te sia un cavillo, un garbuglio giuridico, la differenza tra un processo penale e un processo civile.

    Sei proprio un drago, publio!

    probabilmente per te è un cavillo che la prescrizione può essere dichiarata solo accertato un reato, mentre l'assoluzione va dichiarata in tutti gli altri casi, anche oltrer i termini di prescrizione. Come probabilmente è un cavillo che il reato (o l'illceito nell'ambito sportivo) sia accertato dall'accusa del processo in un caso, e dalla parte giudicante del processo nell'altro caso.

    Tutti cavilli e garbugli.

    Altrochè inerpicarsi, questa a casa mia si chiama sbugiardarti.

    RispondiElimina
  28. sei molto limitato crodino, sei il solito patetico interista che nega l'evidenza: da buon perdente solo se la competizione è vinta da voi merde è regolare altrimenti ci sono sempre ombre e sospetti vero?
    Patetici, considera che grazie alla farsa del 2006 ti hanno regalato trofei di cartone di cui vai tanto fiero invece ti dovresti vergognare di come te li hanno regalati in segreteria...

    RispondiElimina
  29. Dal blog di Christian Rocca, così, tanto per non farsi mancare niente.

    Il passaporto falso e la patente ricettata per tesserare un calciatore che non avrebbe potuto giocare e che quindi ha falsato un campionato;
    la conseguente condanna in un tribunale penale di un suo alto dirigente;
    i pedinamenti di una struttura deviata nei confronti di calciatori, dirigenti e arbitri;
    uno scudetto assegnato dall’ex membro del Cda;
    l’eliminazione degli avversari per via telefonico-giudiziaria (con i giudici scelti dall’ex membro del Cda pochi minuti prima dell’avvio del processo, a cui è stato pure tolto un grado di giudizio);
    la vendita fittizia del proprio marchio per sanare il bilancio;
    il supermegasconto concesso dall’ex membro del Cda sulla sanzione plurimilionaria dell’organo di controllo Covisoc;
    il mancato rispetto delle regole per l’iscrizione ai campionati;
    gli scambi e le supervalutazioni di calciatori;
    i contratti invalidi di Milito e Thiago Motta ("secondo una interpretazione letterale del regolamento federale", scriveva la notoriamente contraria Pravda rosa);
    i "regalini" ai designatori;
    un arbitro arruolato come "cavallo di Troia";
    la richieste di ottenere un particolare arbitro, evitando la procedura del sorteggio;
    i suggerimenti mirati sulle griglie e sugli assistenti;
    le accuse di illecito sportivo diretto prescritte per l’intervenuta prescrizione causata dall’occultamento delle telefonate che la riguardavano.

    Onesti a prescindere, anzi, onestoni prescritti.

    RispondiElimina
  30. scritto da luca:

    la Juve è stata assolta per tutto

    Scritto da me (e non tratto da blog, scritto da chi sa ciò che sta dicendo e pubblicando)

    e poi sono io quello che si inventa le cose? Vediamo per l'ennesima volta la sentenza.


    Visto l'art. 531 c.p.p.,
    dichiara non doversi procedere contro GIRAUDO Antonio in ordine alla contravvenzione a lui ascritta al capo c) della rubrica perché tale reato è estinto per prescrizione.

    Visti gli artt. 533 e 535 c.p.p.,
    dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica, tenuto conto a tal riguardo della contestazione suppletiva del pubblico ministero effettuata all'udienza del 15 luglio 2004, nonché colpevole dei reati a lui ascritti ai capi h) e i) della rubrica e, unificati gli stessi sotto il vincolo della continuazione e riconosciute all'imputato le circostanze attenuanti generiche, lo condanna alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed euro 2.000,00 di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

    Cito ora anche un passo della sentenza in merito alle motivazioni:

    "chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame»

    E questa era la cassazione, la corte d'appello vi aveva assolti perchè imputati per la legge del 2000 anzichè dell'89, specificando, e cito acnora testualmente, la sentenza della corte d'appello, che

    «l’abuso di farmaci, per quanto deprecabile, non era punito dalla legge all’epoca dei fatti». Infatti poi la cassazione ha precisato che non eravate punibili per la legge del 2000, ma lo eravate per quella dell'89.

    Luca Luca, come al solito il punto è questo:

    Spiega e commenta la sentenza, e le motivazioni della sentenza che ho riportato.

    Anche quella frase della corte d'appello finale, oltre alla pappardella della cassazione.

    Avanti spiega, spiega perchè siete stati assolti. Spiega perchè corte di appello e cassazione hanno detto che eravate puliti.

    Avanti, provaci, con parole tue, senza copincollare.

    Mi spiace, ma quello ridicolo e patetico che nega l'evidenza sei tu, come al solito. E questa sentenza da me pubblicata ne è l'esempio lampante.

    "siamo stati assolti in tutto"

    ahahahahahaha

    e dire che te l'ho già pubblicata 10.000 volte, non è la prima...

    RispondiElimina
  31. Visto l'art. 531 c.p.p.,
    dichiara non doversi procedere contro GIRAUDO Antonio in ordine alla contravvenzione a lui ascritta al capo c) della rubrica perché tale reato è estinto per prescrizione.

    Visti gli artt. 533 e 535 c.p.p.,
    dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica, tenuto conto a tal riguardo della contestazione suppletiva del pubblico ministero effettuata all'udienza del 15 luglio 2004, nonché colpevole dei reati a lui ascritti ai capi h) e i) della rubrica e, unificati gli stessi sotto il vincolo della continuazione e riconosciute all'imputato le circostanze attenuanti generiche, lo condanna alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed euro 2.000,00 di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

    Cito ora anche un passo della sentenza in merito alle motivazioni:

    "chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame»

    Prova a spiegarmi sulla base di queste parole che siete stati assolti.
    Provate a spiegarmi, tutti quanti, dopo aver letto questi passi di sentenza, che il giudice non ha accertato reato, dopo aver sentito sia la difesa che l'accusa.

    In pratica vi sto chiedendo di dimostrare che il cavallo bianco di napoleone era verde.

    Ciò nonostante voi fessacchioni, pur di dire qualcosa, ci proverete lo stesso. Peccato che le parole di una sentenza non lasciano spazio ad interpretazione, ma sono chiare e nette.

    RispondiElimina
  32. ecco appunto, tanta celerità a rispondere svanita nel nulla appena uno scopre le vere carte.

    cercate cercate nel web, non c'è niente che venga a salvarvi.

    pòotete riportare l'interpretazione più astrusa del mondo della sentenza, ma quella sentenza dirà sempre una e una sola cosa: abusavate di farmaci attuando un disegno criminoso volto a sfalsare concorrenza e campionati.

    questo ha inequivocabilmente detto la cassazione, e ve l'ho riportato anche con le sue parole.

    PS PER MASSIMO PAVAN, le tue 50 ragioni di revoca dello scudo all'inter, ovvero al legittimo proprietario, puoi ufficialmente infilartele tu sai dove, visto che è appena stato dichiarato ufficialmente irrevocabile.

    e senza alcuna censura.

    RispondiElimina
  33. Sbugiardato...ohi sto ancora tremando...
    mi sembri il pinguino di Madagascar,muovi le pinne dicendo "tu non hai visto niente,tu non hai visto niente"...
    puoi giocare quanto vuoi ma la sentenza sul doping è stata di assoluzione e sull'abuso di farmaci servirebbe un altro processo ulteriore, le tue ripetute supercazzole mi fanno sbadigliare.

    Sbugiardato sei stato tu e il tuo presidente, quello ancora vivo per intenderci, solo che Palazzi la settimana scorsa avrà sbagliato ad esprimersi, si vede che doveva smaltire la sbornia della sera prima...
    Quindi per voi nessun art.6 e nessun art. 1, perchè i tuoi movimenti pinguineschi vogliono distogliere l'attenzione da questo, visto che a quelli come te piace nascondersi dietro il politichese, la burocrazia e le trappole giuridiche...
    Avremo capito male tutti, oppure non si è mai parlato di prescrizione per l'Inter,eravamo in preda ad allucinazioni di massa dovuti allo smog derivato da combustibile raffinato di Sarroch, si dice sia molto potente...
    Intanto consiglio a chi non si vuole far abbindolare di dare un occhiata a questi link:

    http://www.youtube.com/watch?v=CkP_C1wdB8U&feature=player_embedded#at=636

    http://www.youtube.com/watch?v=jhOYdULBLvY&feature=player_embedded#at=91

    http://www.youtube.com/watch?v=Z9ib10TjjKo&feature=player_embedded

    Ah Dino, siccome da buon giurista ,o qualsiasi cosa si avvicini a quello come tu sei, ti piace scherzare con la libertà di pensiero e la dignità altrui, ti saluto perchè devo uscire (difficilmente riuscirò a controbattere ai tuoi veleni soporiferi,almeno in questo topic), e lo faccio rispondendoti in dialetto al tuo balussùn, CIAO FACIA DA STUPID
    dalle mie parti non è un offesa grave premetto, dipende dal tono in cui lo si dice, io te lo dico tra il dolce e il severo di facchettiana, forse onesta e prescritta memoria.

    RispondiElimina
  34. publio, aria fritta. la verità sta nelle parole della cassazione, non nelle mie. e continuerò a riportarle finchè vi dichiarerete puliti.

    Visto l'art. 531 c.p.p.,
    dichiara non doversi procedere contro GIRAUDO Antonio in ordine alla contravvenzione a lui ascritta al capo c) della rubrica perché tale reato è estinto per prescrizione.

    Visti gli artt. 533 e 535 c.p.p.,
    dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica, tenuto conto a tal riguardo della contestazione suppletiva del pubblico ministero effettuata all'udienza del 15 luglio 2004, nonché colpevole dei reati a lui ascritti ai capi h) e i) della rubrica e, unificati gli stessi sotto il vincolo della continuazione e riconosciute all'imputato le circostanze attenuanti generiche, lo condanna alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed euro 2.000,00 di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

    Cito ora anche un passo della sentenza in merito alle motivazioni:

    "chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame»

    Prova a spiegarmi sulla base di queste parole che siete stati assolti.
    Provate a spiegarmi, tutti quanti, dopo aver letto questi passi di sentenza, che il giudice non ha accertato reato, dopo aver sentito sia la difesa che l'accusa.

    In pratica vi sto chiedendo di dimostrare che il cavallo bianco di napoleone era verde. Tutti ci possono provare, chi si intende di cavalli e chi di cavalli non sa niente. Ma nessuno potrà mai dimostrarlo perchè ciò che è bianco non è verde.

    Lo stesso qua, il reato è stato accertato, documentato, e spiegato dalla corte di cassazione. Ognuno può provare a dire il contrario, che la cassazione non ha accertato nulla, però le parole riportate sopra parlano chiaro e tondo.

    Ti conviene soltanto uscire e non rispondere più, perchè non hai alcun mezzo per poter rispondere dignitosamednte.

    E oltre a non avere i mezzi non hai le possibilità, perchè le parole della cassazione sono inequivocabili (l'hai capito il discorso sul cavallo di napoleone spero), anche gli stupidi le capiscono oramai.

    RispondiElimina
  35. crodino, mi fai ridere, pensa all'art.6 del tuo prode facchetti e medita alle idiozie che continui a sparare a iosa, mi hai davvero stufato...oltrettuo prescritto... ciao

    RispondiElimina
  36. e insisti con sta prescrizione di un illecito sportivo dichiarato dall'accusa di un processo (sai, quella cosa fatta di accusa, difesa e giudice), ignorando la prescrizione di un reato penale dichiarata da un giudice.

    luca hai detto che siete stati assolti in tutto, vuoi avere credibilità? dimostra che siete stati assolti in tutto.

    Visto l'art. 531 c.p.p.,
    dichiara non doversi procedere contro GIRAUDO Antonio in ordine alla contravvenzione a lui ascritta al capo c) della rubrica perché tale reato è estinto per prescrizione.

    Visti gli artt. 533 e 535 c.p.p.,
    dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica, tenuto conto a tal riguardo della contestazione suppletiva del pubblico ministero effettuata all'udienza del 15 luglio 2004, nonché colpevole dei reati a lui ascritti ai capi h) e i) della rubrica e, unificati gli stessi sotto il vincolo della continuazione e riconosciute all'imputato le circostanze attenuanti generiche, lo condanna alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed euro 2.000,00 di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

    Cito ora anche un passo della sentenza in merito alle motivazioni:

    "chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame»

    Prova a spiegarmi sulla base di queste parole che siete stati assolti.

    almeno publio prova ad argomentare quello che dice. tu dici una cosa, vieni smerdata, e cambi discorso.

    dimostra che siete stati assolit, leggi bene la sentenza presente in questo commento e dimostra che siete stati assolti per frode sportiva.

    visto che a tuo avviso siete stati assolti in tutto.

    sennò solita figura da peracottaio, bimbobeso.

    RispondiElimina
  37. bla bla bla, le solite idiozie che ti piacciono tanto: Dal blog di Christian Rocca, così, tanto per non farsi mancare niente.

    Il passaporto falso e la patente ricettata per tesserare un calciatore che non avrebbe potuto giocare e che quindi ha falsato un campionato;
    la conseguente condanna in un tribunale penale di un suo alto dirigente;
    i pedinamenti di una struttura deviata nei confronti di calciatori, dirigenti e arbitri;
    uno scudetto assegnato dall’ex membro del Cda;
    l’eliminazione degli avversari per via telefonico-giudiziaria (con i giudici scelti dall’ex membro del Cda pochi minuti prima dell’avvio del processo, a cui è stato pure tolto un grado di giudizio);
    la vendita fittizia del proprio marchio per sanare il bilancio;
    il supermegasconto concesso dall’ex membro del Cda sulla sanzione plurimilionaria dell’organo di controllo Covisoc;
    il mancato rispetto delle regole per l’iscrizione ai campionati;
    gli scambi e le supervalutazioni di calciatori;
    i contratti invalidi di Milito e Thiago Motta ("secondo una interpretazione letterale del regolamento federale", scriveva la notoriamente contraria Pravda rosa);
    i "regalini" ai designatori;
    un arbitro arruolato come "cavallo di Troia";
    la richieste di ottenere un particolare arbitro, evitando la procedura del sorteggio;
    i suggerimenti mirati sulle griglie e sugli assistenti;
    le accuse di illecito sportivo diretto prescritte per l’intervenuta prescrizione causata dall’occultamento delle telefonate che la riguardavano.

    RispondiElimina
  38. eheh come immaginavo.

    idiozie che mi piacciono tanto?

    tu hai detto che siete stati assolti in tutto.

    io potevo dirti non è vero a parole mie, potevo riportarti articoli di giornale che dicevano il contrario, oppure, per essere il fedele alla realtà possibile, potevo riportare la sentenza.

    ho riportato la sentenza in cui si dice il contrario di quello che TU HAI DETTO, ovvero che siete stati assolti in tutto.

    ti chiedo allora di spiegarmi come funziona, il giudice parla di condanne e prescrizioni, e tu dici che vi ha assolti.

    spiegami.

    e invece no.
    idiozie che ti piacciono tanto

    passaporti

    persino i contratti di milito e motta tiri in ballo.

    e ovviamente tutto riportando articoli altrui, non pensieri tuoi da te espressi.

    se in tutto ciò non ti rendi conto della figura da peracottaio che fai, beh, è un problema tuo.

    buona serata turlucchetto, vai a giocare in cortile che tra un po' si fa buio ed è ora di andare a nanna.

    PS ogni volta che scrivi su questo blog fai del male alle persone juventine che cercano di dire la loro. ogni tuo commento pregno di bassezza, incompetenza, e infantilità spazza via la credibilità dei 10 precedenti che provavano a sostenere la causa rubentina.

    RispondiElimina
  39. più gretto e basso di te non ce nessuno! Fai del male solo a te stesso con le tue idiozie, ti reputi il paladino degli onesti quando non hai argomenti per ribattere a cio che ti ho riportato quindi la butti in aria fritta che a te piace tanto...
    sai qual'è la cosa ridicola: che ti credi un solone depositario della verità assoluta ed invece sei un povero idiota che non sa più che pesci pigliare...repetita iuvant:Il passaporto falso e la patente ricettata per tesserare un calciatore che non avrebbe potuto giocare e che quindi ha falsato un campionato;
    la conseguente condanna in un tribunale penale di un suo alto dirigente;
    i pedinamenti di una struttura deviata nei confronti di calciatori, dirigenti e arbitri;
    uno scudetto assegnato dall’ex membro del Cda;
    l’eliminazione degli avversari per via telefonico-giudiziaria (con i giudici scelti dall’ex membro del Cda pochi minuti prima dell’avvio del processo, a cui è stato pure tolto un grado di giudizio);
    la vendita fittizia del proprio marchio per sanare il bilancio;
    il supermegasconto concesso dall’ex membro del Cda sulla sanzione plurimilionaria dell’organo di controllo Covisoc;
    il mancato rispetto delle regole per l’iscrizione ai campionati;
    gli scambi e le supervalutazioni di calciatori;
    i contratti invalidi di Milito e Thiago Motta ("secondo una interpretazione letterale del regolamento federale", scriveva la notoriamente contraria Pravda rosa);
    i "regalini" ai designatori;
    un arbitro arruolato come "cavallo di Troia";
    la richieste di ottenere un particolare arbitro, evitando la procedura del sorteggio;
    i suggerimenti mirati sulle griglie e sugli assistenti;
    le accuse di illecito sportivo diretto prescritte per l’intervenuta prescrizione causata dall’occultamento delle telefonate che la riguardavano.

    RispondiElimina
  40. chissà quanto tempo perdi a copiare e incollare mille cose che nemmeno conosci.

    per me sarebbe fin troppo facile risponderti che al telefono vi siete fatti fuori da soli, che moratti non ha intercettato nessuno perchè per intercettare serve l'autorzzazione del gip, e per ammettere una telefonata in tribunale questa deve essere sttata intercettata secondo iter regolare, altrimenti è inammissibile. secondo te il tribunale napoletano, e si parla di giustizia ordinaria non di giustizia sportiva che a vostro dire è in mano all'inter, secondo te ammette intercettazioni fatte da privati (cosa per atlro impossibile fisicamente) come prova in un processo penale??

    turlùc!

    sui pedinamenti, bisogna fare dei distinguo. in tutti i casi può essere una pratica barbara e siamo d'accordo, però qua non c'è configurazione di illeciti nè di reati.

    pensa che due mesetti fa, in un altro processo, la cassazione ha dichiarato che non è reato far pedinare un proprio cliente.

    ora figurati se lo può essere pedinare un proprio dipendente pagato fior di miliardi, o una cricca di gente organizzata per delinquere, come si è giudizialmente accertato in sede sportiva e penale, (ti piaccia o no le sentenze ci sono e nel mondo legale quelle fanno testo, ti piacciano o non ti piacciano, giuste o ingiuste)

    fin troppo facile farti notare, sui regali, l'ennesima differenza tra noi evoi. noi regalavamo procìsciutti, voi rolex.
    anche lì autogol di un ragazzino che non sa nemmeno quello che scrive, che all'epoca dei fatti aveva 6 anni se va bene

    trova da solo le differenze tra rolex e prosciutti, non intendo spiegartele io.

    fin troppo facile farti notare che sui contratti di motta e milito c'è stato il solito deferimento di palazzi caduto in un nulla di fatto giudiziale.

    o farti notare che la differenza tra le mie telefonate e le tue, l'ha decisa il tribunale di napoli stesso, considerando irrilevanti penalmente le nostre, e meritevoli di giudizio le vostre.

    e così via.

    vedi luca, la differenza tra me e te, e che io gli argomenti li ho davvero, non ho bisogno di copincollare dal blog di camillo rocca o di ju29ro, mentre tu non hai alcun argomento.

    le tue vie sono:
    o insulti
    o copincolli in toto
    o copincolli pezzi qua e pezzi là

    mai che approfondisci a parole tue un argomento. MAI SUCCESSO, MMAAAAAAIII.

    e per fare la figura da pirletta a tuttotondo cosa fai? dici che non so ribattere a quanto pubblichi. Orbene,

    TU HAI DETTO CHE SIETE STATI ASSOLTI IN TUTTO

    io ti ho riportato la sentenza che dice l'opposto, ti chiedo di dirmi allora sulla base di che dici che sei stato assolto

    e tu mi riporti il PARERE ALTRUI SUI PASSAPORTI E CAZZATE VARIE COME I CONTRATTI DI MOTTA E MILITO(!!!), guardandoti bene dal rispondere e argomentare la tua teoria per cui sei stato assolto per frode sportiva.

    ora che ho replicato ai "tuoi" argomenti, ma tu ancora nNON MI HAI DETTO SULLA BASE DI COSA SIETE STATI ASSOLTI per frode sportiva, hai fatto l'ennesima figura da sicofante.

    quindi, ora ti lascio postare tutto quello che vuoi, non ti replicherò più fino a tarda serata o domattina, o chissà magari mai visto il tuo livello da capretta, tanto come detto, non serve smentirti, chiunque legga ciò che scrivi si rende conto che sei un bambino nemmeno 18enne e che non hai la più pallida idea degli argomenti di cui provi a scrivere qua.

    ora dirai che non è vero, che quello sono io. bene sentrambi sappiamo la verità, quindi non pigli per il culo nessuno, nemmeno te stesso ormai.

    RispondiElimina
  41. Turlùc sarai tu. Tavaroli non ti dice niente?
    La causa intentata da Vieri pure?
    Le intercettazioni usate nel 2006 come sono uscite sui giornali? Perchè solo una parte è stata data in pasto all'opinione pubblica mentre quella riguardante gli onesti a prescindere, nonchè prescritti in eterno, è rimasta sepolta nei cd?
    In una società seria basterebbe il passaporto di Recoba, e ne avanza, credimi.
    Poi che giustizia, noi indagati per doping (assolti) e prescritti riguardo all'abuso di medioinali leciti. Voi, con la confessione di Georgatos, nemmeno controllati, come sempre.
    Purtroppo sono sorte parecchie patologie (SLA tra tutte) e alcuni decessi in giovane età tra gli ex calciatori. Ecco, prova ad analizzare questi dati e poi, se ci riesci, tira le somme.
    Ricorda che il tifo non dovrebbe annebbiare la mente, se vuoi un confronto serio (non dico onesto, è un aggettivo di cui si è abusato ultimamente).

    RispondiElimina
  42. ahahh spero che ti sia bastata la legnata che ti ho dato caro il mio turluc!!!!
    patetico come sempre!!!

    RispondiElimina
  43. Anche se ti auto-dici che legni tutti per mille volte, la tua balla non diventerà realtà agli occhi di nessuno.

    Ti sputtano subito pezzo per pezzo (e intanto tu ancora non hai nè spiegato perchè sei stato assolto nè ammesso che avevi detto una belinata)

    "La causa intentata da Vieri pure? " Anche lì, è una causa civile, non c'è alcun reato. Vieri chiede danni morali, la cassazione ha detto un mese fa che pedinare un cliente è lecito, a maggior ragione lo è pedinare un subordinato che paghi fior di miliardi, quindi la richiesta di vieri sarà respinta. Ma anche qualora l'accogliessero, non c'è alcun tipo di reato, se no il processo si svolgerebbe in sede penale, semplicemente un illecito extra-contrattuale (che non c'entra niente con l'illecito sportivo) tra due privati.

    Quindi te la rigiro: cosa c'entra con la pulizia della squadra?

    "Le intercettazioni usate nel 2006 come sono uscite sui giornali? Perchè solo una parte è stata data in pasto all'opinione pubblica mentre quella riguardante gli onesti a prescindere, nonchè prescritti in eterno, è rimasta sepolta nei cd?"

    Le intercettazioni di un processo in fase di istruttoria sono di dominio pubblico, niente di strano che siano finite sui giornali. Nel 2006 le intercettazioni già c'erano, semplicemente furono scartate dal tribunale perchè considerate prive di sussistenza
    La differenza tra le tue intercettazioni e le mie, è che le tue sono state considerate dal tribunale di napoli meritevoli di giufdizio penale, le mie prive di rilevanza penale. Non da Guido Rossi, dal tribunale di Napoli.

    "In una società seria basterebbe il passaporto di Recoba, e ne avanza, credimi. "
    Quante volte dovrò ripeterlo, Recoba e Oriali hanno pagato in sede sportiva e in sede penale. Ed è stato condannato a norma di regolamento. I regolamenti non prevedono un'unica pena, ma una gradazione di pena, se voi per l'inetr volete sempre la pena massima non significa che questa debba essere necessariamente applicata, tanto più che coivolte c'erano tante altre società tra cui la roma e il milan, che voi sempre dimenticam, perchè c'è solo l'inter per voi.

    RispondiElimina
  44. "Poi che giustizia, noi indagati per doping (assolti) e prescritti riguardo all'abuso di medioinali leciti. Voi, con la confessione di Georgatos, nemmeno controllati, come sempre. "
    L'indagine penale è obbligatoria, c'è stata e non ha portato a rilevare alcunchè. Il problema era personale del giocatore che aveva rotto con l'ambiente, l'ha sparata, s'è indagato e s'è scoperto che l'aveva sparata grossa. Guarda che non fare un processo non significa non aver indagato. Il processo segue le indagini delle forze dell'ordine, e viene istruito solo se le medesime portano all'attenzione elementi di rilevanza penale. Cosa non accaduta.

    Ma tu sei così babbeo che ti attacchi al primo titolo di giornale, e poi tutto il seguito non importa. Guai ad andare a informarsi, meglio postare alla cieca sul blog di pavan e prendere la regolare dose di sberloni sui denti.

    "Purtroppo sono sorte parecchie patologie (SLA tra tutte) e alcuni decessi in giovane età tra gli ex calciatori. Ecco, prova ad analizzare questi dati e poi, se ci riesci, tira le somme. "

    Tiro le somme, e dovresti farlo anche tu. Nessuno di quei giocatori ha militato nell'inter, quasi tutte in squadre minori come bologna fiorentina genoa etc, e ancor meno nessuno ha militato in quell'inter. Per inciso, in quell'inter militavano, tra i vari, corso e suarez, ed erano tra i più forti, e li vedi ancor oggi in tv svegli e in salute.
    Quindi che SLA tiri in mezzo se non c'è nessuno dell'inter che l'ha contratta?

    Stai proprio alla canna del gas. Non nsai più che dire.

    Per il resto, è vero, il tifo non dovrebbe annebbiare la mente. E visto che lo dici tu stesso, suppongo che la tue mente sia annebbiata di suo.
    Casca pure la tua ultima attenuante.

    Come al solito elenchi una serie di cazzate senza approfondirne una, e poi mi tocca spiegartele una ad una e zittirti. Anche qui, risponderai perchè ti senti in dovere di avere l'ultima, ma non puoi sindacare nessuno di questi fatti e ne tirerari fuori di nuovi, e avanti all'infinito.
    Oppure lascerai perdere e userai la solita formula "tutte idiozioe tutte cazzate e sequenza di insulti"
    Qualunque tu scelga, indovina che figura farai?
    Da peracottaio.

    RispondiElimina
  45. "ahahh spero che ti sia bastata la legnata che ti ho dato caro il mio turluc!!!!"

    secondo te scrivere 5-6 parole su ogni argomento significa argomentare e legnare?

    così è fin troppo facile sputtanarti, c'è l'argomento ma non l'argomentazione.

    E' come se vai in tribunale, in una causa civile, e dici che io ti devo 1000 euro. Però non spieghi perchè. Io spiego perchè non te li devo, e così capisci, è troppo facile vincere per me.

    Meglio che ti avvali della facoltà di non rispondere, che oramai qua ogni cosa che dici ti si ritorce contro.

    Non ostinarti a discutere di cose che non sai. Ho minimo 10 anni e 2 titoli di studio in più di te, vola basso e nasconditi.

    Ora fai la tua solita uscita, insulta e vai di torpiloquio, e sparisci.

    RispondiElimina
  46. 10 anni e 2 titoli di studio in più...magari al cepu...
    Mentre tutti gli altri legali ed esperti che invece affermano il contrario di quello che dici tu sono arrivati a quei livelli per caso...
    Mi fai un pò schifo...tu e il tuo classismo...
    Buongiorno mondo, e nonostante tutto buongiorno Dino.

    RispondiElimina
  47. a proposito di aria,fritta tutto vero quello che dici su chi somministra ecc ecc...peccato per te che fino al 98 era legale...

    RispondiElimina
  48. eddaje publio... ma legale che, che è stato accertato il reato di frode sportiva, considerata tale dal 89? è legale commettere un reato, bene, da publio non si smette mai di imparare cose nuove.

    spiega un po' a quali conclusioni diverse dalle mie sono arrivati gli esperti. Su vieri ho riportato le parole della cassazione, massimo organo giurisdizionale italiano, così come per la frode sportiva. Sui contratti di motta e milito pure ho riportato il fatto che a deferimento non è seguito giudizio, mentre sui passaporti ho fatto presente che c'è stato un processo in due gradi di giudizio in cui è stata applicata una delle sazionni previste dal regolamento, e che altre squaqdre come milan e roma c'erano dentro. quindi publio... tutto il cotnrari di quello che dico, non sono gli esperti a sostenernlo, semmai te e i tuoi amichetti che siete l'antitesi di un esperto.

    e non si tratta di classismo, se si vuole parlare di leggi e processi bisogna conoscere il diritto, c'è poco da fare.
    Certo, ognuno dice e può dire la sua, ma si è a forte rischio belinate.

    Le posso dire anche io le belinate sul diritto, che ho una laurea in giurisrudenza e quasi 30 anni, figuriamoci un ragazzino che non ha fatto nemmeno la maturità.

    E perchè bisogna conoscre il diritto per parlare di processi? Chissà.

    Io che non sono un architetto non ti verrò mai a dire il tuo stadio è costruito male. Al massimo posso venire a dirti che ho letto da gente attendibile che il tuo stadio è costruito male. Poi se tu sei un architetto e hai a disposizione progetti e planimetrie dello stadio, e mi vieni qui a dire che lo stadio è fatto a regola d'arte e che per 1 secono non avrà bisogno di alcun restauro, beh, io non avrò le capacità di controreplicarti e inistere a dirti che è fatto da schifo.

    Se ho un minimo d'amor proprio lascio perdere e lascio parlare chi è più esperto di me, se sono un testardo che ama collezionare figure da pirlo, io privo di qualsiasi titolo di studio in architettura, mi continuo a insultare e discutere con un architetto sulla costruzione dello stadio.

    Come vedi publio non è questione di classismo. Ma di preparazione.

    Se volete insistere a parlare di leggi e processi con me, accomdodatevi.

    Ma mi sembra inevitabile poi la figura che facciate, che (tolto luca che fa la figura da percaottaio con chiunque) è la stessa che farei io discutendo di archiettura con l'architetto, di energia nucleare con l'ingegnere nucleare, di chimica con il chimico etc..

    Se anche questo elementare concetto ti è troppo difficile da compredenre, caro publio, beh questo è un problema tuo.

    In tal caso per te non c'è titolo di studio che tenga, da internare subito!

    Ma io sono sicuro che hai capito bene, solo che ti viene difficile ammetterlo. Almeno stai evitando di continuare a provare ad argomentare cose inargomentabili.

    ps, se non ci fosse un minimo di classismo nei tribunali ci sareste te e luca al posto degli avvocati e dei giudici, e io sarei al posto dell'architetto che ha tirato su lo stadio vostro.

    Pensa che disastro sarebbe.

    RispondiElimina
  49. ahha le solite tue farneticazioni! In appello siamo stati assolti e la cassazione ha solo rinviato per un nuovo processo senza poter giudicare il merito, sinceramente le sentenze oltre a leggerle bisogna anche capirle, e nonostante di creda un harry potter del diritto, ci sono fior di avvocati che ne sanno più di te...

    RispondiElimina
  50. sicuro, il problema è che tu non sei uno di quelli.

    tu le sentenze non sai ne leggerle ne capirle. altrimenti saresti zitto da un pezzo, dopo aver letto le parole della stessa cassazione, che di seguito riporto: Visto l'art. 531 c.p.p.,
    dichiara non doversi procedere contro GIRAUDO Antonio in ordine alla contravvenzione a lui ascritta al capo c) della rubrica perché tale reato è estinto per prescrizione.

    Visti gli artt. 533 e 535 c.p.p.,
    dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica, tenuto conto a tal riguardo della contestazione suppletiva del pubblico ministero effettuata all'udienza del 15 luglio 2004, nonché colpevole dei reati a lui ascritti ai capi h) e i) della rubrica e, unificati gli stessi sotto il vincolo della continuazione e riconosciute all'imputato le circostanze attenuanti generiche, lo condanna alla pena di anni uno e mesi dieci di reclusione ed euro 2.000,00 di multa, nonché al pagamento delle spese processuali.

    E SOPRATTUTTO QUESTO PASSO, IN CUI SI SPIEGA BENE E A SCANSO DI EQUIVOCI

    "chi somministra ai partecipanti alla competizione, sostanze atte ad alterarne le prestazioni, e che fraudolentemente mira a menomare o ad esaltare le capacità atletiche del giocatore, pone in essere una condotta che consiste in un espediente occulto per far risultare una prestazione diversa da quella reale, in un artifizio capace di alterare il genuino svolgimento della competizione, con palese violazione dei principi di lealtà e di correttezza: per l’effetto, gli atti posti in essere sono agevolmente riconducibili alla nozione di atti fraudolenti di cui alla normativa in esame»

    Capitto mi hai?

    Questo passo in particolare non lascia scampo:

    "dichiara AGRICOLA Riccardo colpevole dei reati a lui ascritti al capo g) della rubrica".

    e ora puff, volatilizzati..
    non ostinarti a tirare testate contro il muro che ti fai solo male.

    RispondiElimina
  51. ESSERE PRESI PER I FONDELLI ASSOLUTAMENTE NO!
    Qui cari sportivi ci si sta prendendo tutti per i fondelli e tra l’altro in modo piuttosto svergognato. E onestamente credo che neanche ai nemici interisti piaccia o giova simile comportamento. Vivere con la macchia del dubbio di colpevolezza non rende a nessuno. Moggi da par suo e la Juve, a seguire e sia pur con notevole ritardo, si stanno difendendo piuttosto bene al di là di quelle che poi saranno le scelte politiche, ma tant’è che grazie a tale difesa è poi emerso quello che tutti sapevano e che ora non possono negare. Tutti agivano nello stesso identico modo e ancor di più chi urlava la propria onestà prendendo uno scudetto che non le appartiene e il resto a seguire che non doveva essere se il complotto non fosse stato sostenuto da chi oggi siede nel palazzo della Federazione. La Commissione federale pare abbia già deciso di lasciare il titolo di cartone all’inter perché non in grado di giudicare o per timore di fare altri errori gravi come quelli commessi nel 2006 ai danni della Juve. Nessun problema sta alla Juve bloccare tutto, campionati compresi senza ripetere l’errore del 2006 di andare avanti perché vi era un Mondiale alle porte e un campionato da ricominciare. Elkann taccia e lasci fare a chi di dovere, perderà l’amico Moratti ma acquisterà credibilità agli occhi dei milioni di tifosi bianconeri. Si percorra la strada intrapresa si no a Strasburgo, dove organi più liberi e meno vincolati si spera ad amicizie sappiano leggere quanto accaduto. Non può la federazione alla luce di quanto emerso far finta di nulla, non può agire così nel rispetto di milioni di tifosi bianconeri che han visto distrutta una delle società più forti del mondo, nei confronti dei tifosi interisti che sarebbero tacciati per sempre di disonestà impunita, non può nei confronti di milioni di sportivi, e oggi molti alzano la voce e mi chiedo come mai solo oggi, che perderebbero credo in questo sport. Abete rispetti quanto detto in passato ossia che “la moralità non si prescrive”. Da parte mia, in qualità di tifoso, spero che la Juve si faccia sentire e agisca nel modo più severo possibile senza remora alcuna e chieda se opportuno il dovuto risarcimento. Solo in tal modo il grande oceano di tifosi cominceranno di nuovo a seguirne le vicende non solo extra calcistiche ma anche inerenti l’aspetto sportivo. Un atteggiamento di remissione la porterebbe a totale isolamento.

    RispondiElimina
  52. gli juventini sono cosi coglioni che si prendono a coltellate tra loro a scemi!!!!!!

    RispondiElimina